storia antica

una storia di tanti anni fa, quando nelle stalle vi erano mucche grosse come monumenti dal colore marron o rosso con chiazze chiare. io ricordo la GIGIA, mangiava fieno d’inverno e erba d’estate, faceva 2 o 3 litri di latte con un profumo….. facevamo affiorare la panna e con quella facevamo il burro, che, orrore, mangiavamo crudo sul pane. eppure latte e burro crudi senza mai ammalarsi, mah…. portavamo il letame nei campi dove seminavamo il mais maranino che ci serviva per la polenta e per le galline. vicino alle gambe del mais seminavamo i fagioli rampicanti che si attorcigliavano alla pianta del mais. poi un giorno…….. arrivo’ la globalizzazione e la rincorsa al guadagno facile. ecco che le vache vennero sostituite con le canadesi, enormi produttrici di latte, che però non ce la facevano a campare con il solo fieno, e allora si sostitui’ il mais maranino con gli ibridi amaricani che avevano bisogno di acqua, urea, diserbo, geodisinfestante. aumentarono le produzioni di latte e mais, ma anche i debiti in banca. gia’ mica te la danno gratis la globalizzazione. era finito un mondo, ne cominciava un altro assurdo, vorrei dire che impalerei tutti questi signorini che con volvo e mercedes venivano nelle fattorie a venderti tanto fumo. ma la colpa non fu loro ma dei sottoproletari contadini che non avevano inforcato tutti i sindacalisti della coldiretti, i politici della democrazia cristiana e i preti. cazzo sono diventato proprio vecchio, ora vado a vedere l’albero degli zoccoli e poi vado a letto con le galline. buonanotte a tuttiimage

Comments are closed

  • NOTIZIE